La settima edizione della festa dei prodotti tipici del territorio aperta venerdì 15 dalla serata degustativa ‘Carlino, terra e mare’ Sarà un fine settimana di festa, dedicato alla valorizzazione delle antiche vocazioni del territorio di Carlino, dalle produzioni tipiche, alla pesca, alla viticoltura, volto a far conoscere peculiarità e prerogative dell’area e le ricchezze del posto. Che si tramandano da generazioni e concorrono a mantenere l’identità del territorio. A Carlino si svolgerà infatti la Fiera di Carlino, 7. festa dei prodotti tipici del territorio, che da venerdì 15 a domenica 17 settembre proporrà iniziative enogastronomiche, di approfondimento, la presentazione di produzioni agricole e agroalimentari di pregio dell’area rivierasca ed eventi di intrattenimento e animazione. Un mix di iniziative che alterneranno l’intrattenimento all’approfondimento e alla degustazione del territorio. Sostenuta dalla Regione, la manifestazione sarà aperta dalla serata di gala ‘Carlino tra terra e mare’. Curato dalla trattoria Alla Risata, di Loris Del Sal, l’evento degustativo, predisposto da un locale che rappresenta un’icona della ristorazione dell’area, sarà occasione per conoscere piatti destinati a diffondere i sapori del territorio e le possibilità di integrazione tra la vicina offerta turistica balneare e le potenzialità delle terre rivierasche. Saranno infatti il biologo Aurelio Zentilin, assieme al vicepresidente nazionale della stampa agricola e agroalimentare, nonché presidente della Riviera Friulana, Carlo Morandini, a condurre gli ospiti lungo un percorso costellato di eccellenze e specificità. La serata, intitolata ‘Carlino terra e mare’, si svolgerà nell’area festeggiamenti parrocchiale. E permetterà di assaggiare i prodotti di caseifici, dell’allevamento vallivo, di aziende agricole, vitivinicole e birrifici del territorio. Si comincerà assaggiando i fasolari, per passare a una frittatina con erbe spontanee, al ‘frittolino’ misto di bilancia, ai formaggi erborinati, alle verdurine pastellate dell’orto, al capriolo con polenta biologica. Per passare al branzino affumicato, ai sardoni ai ferri con basilico, alle sarde in saor e vongole alla marinara, al formaggio caprino alla piastra con giardinetto di verdura. Seguiranno gli gnocchetti al ragù di cinghiale. Quindi il branzino in crosta di sale con verdurine al forno. E per finire il tagliere di formaggi a pasta molle con composta di pere mostardata, e la tortina delizia con ricotta. I vini, Ribolla spumantizzata, Merlot, Traminer Malvasia, Refosco, e le birre rivierasche.

Sabato, 16 settembre sono in programma, nella mattinata laboratori del gusto e una degustazione didattica con le scuole di Carlino, assaggi, incontri culturali sulle tradizioni locali, come l’incontro sull’uso delle piante per la tintoria, e sui funghi del territorio. Mentre alle ore 18, nello stand polifunzionale, i fari della rassegna di Carlino saranno puntati su un piatto tipico dell’area rivierasca: il ‘bisato in speo’, l’anguilla allo spiedo, cotta al calor della brace, con il solo ausilio di sale grosso e foglie di alloro, che veniva approntata nelle giornate della festa dagli anziani nelle calli maranesi, oppure nei casoni della laguna. A preparare e raccontare questa prelibatezza sarà lo chef Giorgio Dal Forno, del ristorante Ai tre canai di Marano Lagunare, che è impegnato nella riscoperta e valorizzazione dei piatti e dei prodotti della Riviera Friulana.

Ida Donati

Carlino, 12 settembre 2017.

#LignanoSabbiadoro #Maranolagunare #Grado

larivierafriulana®

Associazione Culturale

#LIGNANO SABBIADORO  #GRADO

Sito: www.larivierafriulana.it

Mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Tel. Cell: +39 335 370816

Facebook: Riviera Friulana - la riviera friulana /Twitter: @rivierafriulana /Google: Riviera Friulana

#RivieraFriulanaNews174/2017

 

Share on Myspace