Che lancia la candidatura della Riviera Friulana tra le realtà considerate Patrimonio dell’umanità

il Club per l’UNESCO

Gli eventi svoltisi in occasione della mostra ‘Omaggio a Lignano’ curata dal Fotocineclub Lignano, e della presentazione del video ‘La Riviera friulana terra di eccellenze-itinerari culturali ed enogastronomici per il turista attento’, realizzato con le foto del sodalizio lignanese, di Antonio Boemo e Carlo Morandini, allestita a Latisana alla Galleria d’arte La Cantina di Giovanni Toniatti Giacometti, che per tre settimane ha attirato un attento pubblico, artisti, curiosi del territorio per ammirare suggestivi scorci e attimi di attività possibili nello scenario affascinante della Riviera Friulana e delle spiagge di Lignano Sabbiadoro e Grado, ha consentito di approfondire il dibattito sulla valorizzazione dell’area di riferimento delle realtà balneari. In particolare, Renata Capria D’Aronco, presidente del Club per l’UNESCO di Udine, ha lanciato un messaggio che è stato raccolto dagli amministratori locali presenti: valorizzare l’area della Riviera Friulana, racchiusa tra i fiumi Tagliamento e Isonzo, e di riferimento per le grandi realtà balneari di Lignano e Grado, contenitore di tesori artistici, storici, culturali, paesaggistici, ambientali, enogastronomici, inserendola tra le realtà considerate Patrimonio dell’Umanità. E tutelate dall’UNESCO. Che nel Friuli Venezia Giulia comprende già Aquileia, Palmanova, Cividale e le Dolomiti Friulane.

Ida Donati

Share on Myspace